expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

mercoledì 1 luglio 2015

Ci sono, ci sono..

Sono imperdonabile. Sono due mesi che non metto mano ne testa al mio diario di bordo digitale.. lo so.
Inutile raccontare i cambiamenti che ci sono stati, il lavoro prima di tutto. La stagione. La fine della scuola e le prime separazioni serie dell'anno: il mio piccolo più grande torna oggi dopo due settimane di mare in Costa Azzurra, nella mia adorata Mandelieu, che proprio per il nuovo lavoro questa estate vedrò un po più tardi del solito.
Ma va bene così. Novità uguale differenze, nuovi incontri, nuovi confronti, un nuovo bar dove prendere il caffè, nuovi discorsi e scambi con persone diverse, una drogheria di paese dove prendere il latte fresco quando esco dall'ufficio, la farmacia in piazza, il mercato rionale del mercoledì.
Si certo, poi ci sono tutte le novità del lavoro che a quasi quarant'anni (gulp!) mi sto mettendo ad imparare.
Poi questa stagione.. la primavera piovosa e adesso l'estate e il balcone della cucina sistemato e pronto per nuove piantine, con il tavolino verde prato dove sedersi al computer o a bere un caffè. Amo l'estate, quella degli inizi, perché mi fa sentire addosso l'inizio di tutto. Un nuovo libro decisamente zuccheroso preso in prestito al bar di Sonia in centro al paese.
Il pensiero a stasera quando arriva Ricky e gli preparo il Crabby Patty: l'hamburger tipo fast food che cucina Spongebob nella cucina del ristorante sotto le grinfie del suo capo-granchio tiranno e taccagno.
No comment.