expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

lunedì 4 gennaio 2016

Voglia di tenerezza

Se siete inclini alla carie dentale, saltate questo post. Andatevi a leggere qualcosa della Lucarelli (ma in fondo è una romantica anche lei, più di quanto non voglia nascondere con tutto il cinismo che si sforza di riversare nei suoi post) o meglio una noiosa pagina sportiva.
Risparmiatemi le battute sul preciclo (ce l'ho), sui figli che crescono (ce l'ho), sulla soglia dei 40 appena attraversata (terno, quanto ho vinto?).
Ho iniziato, a dire il vero anche finito, l'anno con una implacabile voglia di tenerezza. Quella dei film di Julia Roberts, presente? Quella che sai già che si verifica solo nei film, accidenti a questi registi mielosi che si ostinano a farci credere che l'uomo perfetto esista. Non parlo di Mr. Grey, che è un cliché nemmeno dei migliori, no: veramente perfetto.
Insieme alla voglia di tenerezza mi è scoppiata all'improvviso una voglia di shopping di lusso che la metà basta (ma è l'aria della Costa Azzurra respirata guardando le vetrine sulla Croisette).
Ma torniamo al nostro profilo dell'uomo ideale. Tempo fa abbiamo giocato con un'amica a tracciarne uno per lei, e mi sembra di aver indovinato parecchie cose (quindi è ufficiale che sto invecchiando: a quelle giovani normalmente piacciono gli stronzi). Intanto non è un ragazzino perché per viaggiare e visitare mostre e leggere libri e mantenersi in forma ed avere una mentalità aperta ed essere ricco (ma non ereditiero, troppo facile: anche businessman impegnato e operativo sennò la virilità va a farsi friggere) almeno deve avere superato gli anta e da un po.
Ovviamente non deve essere eccessivo in aspetti quali bellezza e spigliatezza (finiscono tutti a fare i cinquantenni sbroffoni) la vita lo deve aver cresciuto pacato e determinato. Niente macchinone o Rolex da due milioni di dollari al polso. Niente profumo, solo quello di pulito o al limite uno leggerissimo.
A questo punto (esattamente come si farebbe per una donna) viene da chiedersi 'e che ci fa un essere umano del genere single alla sua età?' è qui che viene il bello: non è solo. È felicemente sposato. Legittima domanda successiva 'quindi niente di nuovo, il solito Don Giovanni che se le passa tutte e poi torna dalla moglie' no! È anche fedele. Quindi niente da fare, passiamo al prossimo? Ovviamente è fedele ma si innamora di te (sempre che ti chiami Julia Roberts) perché una come te non l'aveva mai incontrata.
Ma siccome è un essere superiore e inesistente.. ti ha vista, ti ha riconosciuta, ti ha studiata, capíta, aspettata e quando è arrivato il momento giusto..mettetelo voi il finale.
Il più votato è il rapimento!
P.S. la mia amica non lo ha ancora trovato.