expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

mercoledì 17 settembre 2014

Tutti pazzi per.. i denti!

In questo periodo sembra l'argomento del momento, esattamente come l'abito di Belen Rodriguez al matrimonio di Elisabetta Canalis. Bello? Brutto? Troppo? Eccovi un quiz:
perchè Elisabetta ha invitato Belen al matrimonio?
a. sono amiche di infanzia
b. Belen si sarebbe portata dietro uno sciame di pettegolezzi e gossip che la ex-velina non si è riuscita a portar dietro manco con Clooney e Pitt messi insieme
c. voleva invitare la tata sudamericana dei suoi chiuaua ma ha sbagliato ad inviare la partecipazione

Torniamo all'altro argomento del momento: i bambini di oggi hanno tutti il palato o troppo stretto o troppo largo. Ora, io non mi ricordo ai miei tempi quanti dei miei amici avevano un palato troppo qualchecosa, però, con il beneficio del dubbio, non ricordo bocche disastrose.
Ho messo 'la macchinetta' per tanti anni, fino a che negli anni '80 della Milano da bere i miei genitori hanno deciso di farmi passare all'apparecchio fisso.
Cosa che tutte le figlie di buona famiglia avevano sui denti, andavano un po' di moda i sorrisi d'acciaio, come i cerchietti imbottiti di Naj-Oleari.
Dopo tanti anni, per me è giunta l'ora di portare il 'grande' dal dentista, perchè diciamocelo, i primi denti caduti con le loro dimensioni abnormi si mischiano a buchi e a denti da latte creando il caos. Quindi allarmata dalla non perfezione della sua bocca, organizzo una prima visita.
Il mio dentista di fiducia (col quale ho un feeling inspiegabile che me lo fa vedere come colui che mi risolve i problemi e non lo temo) mi svela che ci vuole un dentista pdiatrico, che lui è più sulle dentature agé. Buio totale.
Gli chiedo (dopo aver scartato i dentisti di alcune amiche, con i relativi preventivi per i loro figli) che cosa ne pensa della struttura ospedaliera a due passi da casa. Vai, sono bravi -mi dice- se non hai fretta.
Era luglio e sarei partita, quindi l'appuntamento per i primi di settembre mi è parso da subito un'ottima proposta. Ci presentiamo con lastre, panoramiche, frontali, laterali e chi più ne ha più ne metta.
Responso del dentista (un bel quasi cinquantenne alto e abbronzato): questo bambino non ha niente che non va, è piccolo, lei vede confusione perchè tra ciò che cade, il buco che lascia e ciò che ancora deve cadere sembra tutto storto, ma è assolutamente normale, ci vediamo tra un anno.
Esco un po' perplessa ma poi realizzo che sono felice.
Io non ho mai amato ne i cerchietti imbottiti ne gli aparecchi fissi.
Nei giorni seguenti faccio caso che moltissimi ragazzini a scuola hanno la macchinetta o le madri dicono che stanno per metterla. Ho una ricaduta, mando un messaggio al mio dentista: Dario, all'ospedale mi hanno detto di stare tranquilla, ma tutte le mamme che vanno dai loro dentisti privati tornano con un preventivo alla mano. Tu cosa faresti?
Risposta del mio dentista: io mi fiderei. I privati vogliono fare soldi, sarebbe strano il contrario, ciao!
Comincio a spiegarmi il feeling..