expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

mercoledì 25 giugno 2014

Ma la notte no

Piero Pelù cantava "Senza dormire non si può stare.." e aveva ragione.
Seconda notte in cui mi sveglio senza un fattore esterno (dormono tutti, non fa caldo, non sento russare) e già non ne posso più.
Gli insonni cronici penseranno che esagero. Ma in fondo in fondo dentro la testa, nel cuore o giù nello stomaco lo sai quando qualcosa non gira nel verso giusto.
Le abitudini sono sicuramente peggiorate, bevo più caffeina (ridurre, assolutamente) e faccio molta meno attività fisica (qui c'è poco da fare, ho meno tempo e sono costretta ad usare la macchina).
Poi ci sono altri pensieri che si autogenerano, il solo fatto di lavorare in team, di gestire questioni, di confrontarsi o fare confronti tra se e gli altri, tra il prima e il dopo.. insomma 'avere da fare' genera da fare per corpo e mente.
Sono una di quelle persone che va in sbattimento nella fase che precede lo sbattimento.
Vi capita mai di sentirvi meglio quando siete nell'occhio del ciclone, ma di detestare fisicamente e psicologicamente il prima?
Non so come si definisca in medicina,  ma io mi sento la personificazione del 'chi ben comincia è a metà dell'opera'. Finché non comincio, non mi rilasso.
Comunque rimedi a parte (camomille, sonniferi,  sonno costante non inferiore alle sette ore e orari regolari) per quanto mi riguarda il fare la lista di ciò che ci mette ansia e scomporre tutto in poccoli problemi cui accostare piccole soluzioni possibili è in assoluto la via più breve, semplice ed efficace.
Rimango incerta sul da farsi in senso pratico: quando ci si sveglia è meglio alzarsi? Leggere? Magari mangiare? Oppure è meglio perseverare e rimanere nel letto a fare training autogeno?
Non so dire una buona idea mettermi a scrivere o sarebbe stato meglio una tazza di latte e biscotti.
Che cosa fate e che cosa fa meglio?
Meditare, mangiare, distrarsi, creare, sbrigare faccende domestiche? Dovrei stendere il bucato. A proposito.
Poi però si sveglia il resto della famiglia.
Voi cosa fate? Si accettano consigli.
E buonanotte!