expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

martedì 27 gennaio 2015

Oh! .. Robert!

Vorrei dare cinque minuti di fama a un attore che merita. Non voglio dare troppi dettagli su che cosa meriti in particolare ma..
Robert Bukley, classe 1981, sorriso storto e faccia da schiaffi (per quanto riguarda il fisico sto ancora cercando dei difetti ma appena li trovo li segnalo!).
Fa questo filmetto (tra gli altri, ma io sono inciampata in questo) che si intitola L'amore quando meno te lo aspetti, solita storia della madre tradita con quella più giovane cui viene regalato un viaggio consolatorio ai tropici per i suoi 40 anni, che alla fine parte da sola perchè l'amica non può più accompagnarla.
Facciamo che la quarantenne sono io.
Intanto al limite mi regalano un massaggio linfodrenante comprato in offerta su Groupon.
Facciamo che anche il viaggio è in offerta.
Parto e come minimo si abbatte un uragano sulla località dove vado in vacanza (ecco perchè era in offerta).
E' sicuramente pieno di coppiette in viaggio di nozze o di miei coetanei con ventenne al seguito.
Alla protagonista invece capita, manco a dirlo, una notte di sesso con un ventisettenne maestro di surf. Certo.
Poi lei tra mille ripensamenti e sensi di colpa e sensi della morale e pregiudizi si accorge che ops! Mi sono innamorata e lui?
Ricambia ovviamente.
Perchè in giro è pieno di ventisettenni aitanti che vanno a fare i maestri di surf nelle località di villeggiatura ai tropici per.. trovare l'anima gemella che si avvicina per età più alla madre che alla sorella.
Ma perchè continuano a fare questi film?
Per incoraggiarci?
Per continuare ad illuderci così che compriamo pacchetti vacanza e rianimiamo l'industria del turismo?
Almeno ci mettessero 'fantascienza' nel genere, prima della trama.
Così una decide: vampiri o surfisti con la passione del vintage?