expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

martedì 3 dicembre 2013

Condividete questo post. Per un NATALE BUONO

OGNUNO DI NOI SI SIEDE A TAVOLA IL 24 O IL 25 DICEMBRE PER FESTEGGIARE.
QUEST'ANNO FACCIAMO UNA COSA GRANDE. PIU' GRANDE.
CHIEDIAMO AGLI INVITATI DI NON PORTARE REGALI MA LA SOMMA CHE AVREBBERO SPESO PER COMPRARLI (esclusi i bimbi). METTIAMO TUTTO IN UN SALVADANAIO (ANCHE UNA SCATOLA DELLO ZUCCHERO CON UN TAGLIO) E DECIDIAMO INSIEME A CHI FARE LA DONAZIONE.
condividete, non solo sulle vostre bacheche/pagine/profili, e BUON NATALE BUONO!!

Post scriptum numero uno:
da dove arriva l'idea della scatola-salvadanaio? Quando ero piccola, i miei nonni materni davano, a me e mio fratello, una scatola dello zucchero a testa, con un taglio tipo fessura del salvadanaio, tutta chiusa con lo scotch, che riempivano di monete durante l'anno, per farci avere una bella somma da spendere per acquisti importanti (la cartella nuova, il mappamondo, etc..)

Post scriptum numero due:
immaginate che bello se, dopo Natale, ognuno di noi scrivesse qui sotto la cifra che ha raccolto in famiglia e a chi l'ha devoluta (enti, parrocchia, associazioni in piazza). Il danaro è comunque versato in modo anonimo ed è una raccolta, quindi non mette in imbarazzo nessuno (anche perchè alcuni festeggiano in sei persone, altri in venti). Che ne dite?

Facciamo diventare virali queste iniziative. Costa veramente poco a tutti.