expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

mercoledì 2 luglio 2014

E se viene voglia di alghe?

Wakame. Fanno bene all'organismo, alla pelle, alla linea (sono fonti naturalmente ricche di iodio). Che cosa voglio di più?
Mangiarle.
Si comprano disidratate nei negozi bio, in erboristeria. Oppure al ristorante giapponese, che si va sul sicuro.
Come si cucinano? Semplice.. servono:
  • 10 grammi d’alga Wakame (secca)
  • aceto di riso
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo
  • 2 pomodorini

Si taglia a striscioline l'alga secca, e la si mette in ammollo in acqua fredda per 10 minuti. Intanto che le alghe rinvengono, si tostano i semi di sesamo in una padella calda, senza nessun condimento. Spegnere il fuoco appena ne si intravede la doratura.
Si lavano e si tagliano i pomodorini a pezzetti poi si scola e si asciuga grossolanamente l'alga ormai ammorbidita. La si impiatta coi pomodorini a decorazione e la si condisce con una soluzione di aceto di riso e semi di sesamo.
L'aceto non è come per noi un condimento agro, quindi se non piace si può usare l'olio d'oliva, a seconda dei gusti.